C.I.C.A. Bologna
Settore Consulenza Organizzazione Aziendale



Responsabile

Afro Stecchezzini
tel. +39 051/520.330
fax. +39 051/520.054
cell. +39 335/6849167
a.stecchezzini@cicabo.it
afro_stecchezzini

Richiesta offerte

Vuoi richiedere un preventivo?
Scrivici adesso.

Settore Consulenza Organizzazione Aziendale

Il C.I.C.A. BOLOGNA, a partire dalla sua costituzione, ha accompagnato le aziende nella soluzione dei loro problemi organizzativi, creando con le stesse un rapporto di partnership più che di fornitura di servizi.
Questa esperienza peculiare, costruita sulla base dei propri scopi sociali, è stata realizzata attraverso la selezione di esperti impegnati in un costante percorso di aggiornamento sui problemi delle imprese e sulle relative soluzioni innovative sostenibili.

Il metodo C.I.C.A., applicato dal Settore Consulenza Aziendale, può essere così schematizzato:

  1. Approfondita analisi e valutazione dei bisogni dell'impresa Cliente.
  2. Definizione di un percorso condiviso di miglioramento organizzativo, costruito su standard internazionali e/o su moderne tecniche di Total Qualità Management attraverso cui costruire una reale integrazione dei sistemi di gestione aziendale;
  3. Raggiungimento di obiettivi organizzativi concreti definibili come:
    • Raggiungimento di un maggiore efficacia organizzativa aziendale;
    • Superamento dei piccoli e/o grandi problemi di gestione dei processi aziendali;
    • Sostanziale aumento dell'efficienza dei processi e riduzione della burocrazia aziendale superflua.

I percorsi di miglioramento organizzativo, se ritenuti utili al fine di dare un'evidenza delle proprie caratteristiche di eccellenza, possono essere finalizzati anche all'ottenimento di certificazioni di sistema, di filiera e di prodotto da parte dei principali enti di certificazione accreditati.

Il Settore Consulenza Aziendale, grazie alle esperienze maturate, può offrire a grandi imprese e PMI i seguenti servizi consulenziali:

  • Costruzione di sistemi integrati di gestione aziendale e accompagnamento alla certificazione secondo gli schemi ISO 9001, 14001, EMAS, ISO 22000 per la gestione della qualità e della sicurezza alimentare integrate;
  • Analisi ed accompagnamento al raggiungimento della conformità normativa alla luce di mutamenti legislativi e Costruzione di sistemi di gestione per la Sicurezza Alimentare, l'Ambiente e la Sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • Progettazione e Costruzione di sistemi integrati e conformi alla normativa cogente in vigore certificabile per gli schemi OHSAS 18001 (sicurezza) e SA 8000 (responsabilità sociale);
  • Progetti di Total Quality Management ed organizzazione della produzione per l'introduzione di tecniche a zero difetti (6 sigma, KABAN, etc.);
  • Studio del ciclo di vita dei prodotti e certificazione del loro LCA;
  • Accompagnamento alla certificazione di prodotto ecolabel;
  • Progettazione e implementazione di sistemi per la gestione della catena di custodia e sostenibilità ambientale della filiera dei legnami e derivati, certificabili secondo gli Schemi di certificazione forestale internazionali attualmente in vigore;
  • Progettazione ed implementazione di sistemi per il controllo delle filiera Agroalimentare e certificazione secondo UNI 10939 e standard internazionali BRC - IFS ed EUREPGAP e stesura di disciplinari tecnici per la certificazione di prodotto e per l'ottenimento di marchi di Qualità.

L'esperienza consolidata del C.I.C.A. in ambito consulenziale e nel contemporaneo accompagnamento al rispetto della cogenza normativa ha permesso a partire dal 2002 di offrire ai propri clienti, di qualsiasi dimensione aziendale, una serie di servizi per l'implementazione di modelli organizzativi per la prevenzione della commissione di reati ex D.lgs 231/01 divenendo una società di riferimento per tale problematiche.

I servizi "231/01" possono essere cosi descritti:

  • Analisi e valutazione dei rischi aziendali, progettazione ed implementazione di modelli organizzativi per la riduzione dei rischi residui, conformi a quanto previsto dal DLgs. 231/2001 sulla responsabilità penale amministrativa degli enti;
  • Gestione del sistema di vigilanza sul modello organizzativo implementato;
  • Accompagnamento nell'attività degli ODV (Organismi di Vigilanza) ai sensi del D.lgs 231/01;

F.a.q.

Nello sviluppo organizzativo della mia impresa devo privilegiare la conformità normativa o l’efficienza aziendale?

Oggi i due aspetti organizzativi non devono essere per forza concorrenti o sequenziali! Infatti, pensare l’organizzazione aziendale con un approccio integrato alla gestione totale della qualità e alla piena conformità normativa non solo permette di ridurre i costi e la burocrazia aziendale, ma riduce enormemente l’esposizione a rischi di sanzioni e permette di affrontare i vincoli normativi come sfide competitive al mercato, sempre più sensibile all’affidabilità delle aziende e alla loro eticità.

Come piccola impresa manifatturiera sono soggetto agli obblighi previsti dal D.lgs 231/01?

Il D.lgs 231/01 non prevede obblighi, ma introduce una nuova responsabilità per le imprese, poiché estende la "responsabilità penale" per una serie di reati commessi da dipendenti o "persone soggette al controllo", cioè anche alle persone giuridiche per cui operano.
Tale responsabilità si concretizza in sanzioni di tipo amministrativo (economiche ed interdittive) anche molto gravi.
La norma concede come unica possibile forma di tutela da parte dell’impresa il dotarsi di un modello organizzativo atto alla prevenzione dei reati (il modello 231).
La scelta se dotarsi o meno del modello spetta all’azienda ed è facoltativa.
Tuttavia, con l’estensione dell’ambito di applicazione del d.lgs 231/01 ai reati colposi legati alla sicurezza sui luoghi di lavoro e alla prossima estensione ai reati ambientali, si consiglia agli imprenditori anche delle piccole imprese di valutare in modo oggettivo la propria esposizione al "rischio 231".

Se mi certifico OHSAS 18001, certificazione del sistema di sicurezza aziendale, sono anche conforme pienamente al D.lgs 81/08 ?

Il D.lgs 81/08 cita all’art. 30 “In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida Uni-Inail per un sistema di gestione della salutee sicurezza sul lavoro (Sgsl) del 28 settembre 2001, o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti.” L’articolo inoltre esplicitamente dichiara che la sicurezza dovrebbe essere impostata in modo gestionale
Sempre nel D.lgs 81/08 è esplicitamente previsto che l’adozione di un SGS (sistema di gestione per la sicurezza), se dotato di un codice etico, di un sistema sanzionatorio e di un organismo di vigilanza, è sufficiente per essere esentati dalla responsabilità e relative sanzioni connesse al D.lgs 231/01per quanto concerne i reati colposi per violazione della sicurezza aziendale. L’adozione di un SGS è inoltre promosso da INAIL che concede uno sconto sul premio INAIL del 10% a chi adotta un SGSL conforme alle linee guida UNI INAIL e BS OHSAS 18001. Alla luce di queste argomentazioni possiamo dire che il legislatore auspica l’adozione di una certificazione tipo OHSAS 18001, ma la piena conformità in caso di incidente però la può attestare solo il giudizio della magistratura. Va altresì ricordato che la certificazione viene concessa al termine di un percorso organizzativo ove la conformità normativa viene data quale prerequisito e deve quindi essere indagata dall’impresa in modo approfondito. Vi è quindi la necessità di pianificare percorsi organizzativi non istantanei per giungere alla certificazione con la possibilità, da parte dell’organizzazione, di sanare eventuali lacune autorizzative o burocratiche che spesso sfuggono all’autorizzazione stessa, ma che potrebbero compromettere l’iter certificativo stesso.

 
 

C.I.C.A. BOLOGNA   -   cicabo@cicabo.it
Sede legale e operativa: Via delle Lame, 118 - 40122 Bologna - Tel. +39 051.520330 - Fax +39 051.520054
Sede operativa: Via Messidoro, 8/C - 44124 Ferrara - Tel. +39 0532.978607 - Fax +39 0532.978454
P.iva: 00557590379 - Registro imprese di Bologna, CCIAA: BO numero: 84962 - Capitale sociale € 23.902,00 I.V. - cookie policy